Comunicato Stampa

Immagine: 

LA COLLABORAZIONE ARTE E TECNOLOGIA: UNA CARTA VINCENTE PER IL PAESE. PRESENTATO A GENOVA UN PROGETTO INNOVATIVO PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO STORICO ARTISTICO

  • I danni provocati da temperature fuori controllo e umidità possono deteriorare un patrimonio che vale 18 milioni di euro.
  • Genova città pilota: per la prima volta un grande Museo (Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso), si dota di un’innovativa rete di sensori in grado di monitorare sistematicamente alcuni parametri fondamentali per una efficace conservazione.
  • Si chiama “Art-Keep” (custode dell’arte) il sistema sviluppato da Montalbano Technology. Il monitoraggio dello storico Palazzo Rosso di Genova, sarà illustrato a Genova venerdì 26 Ottobre alle ore 11 a Palazzo Rosso.
  • Art Keep di Montalbano Technology è in grado di monitorare altri parametri critici, quali ad esempio la situazione strutturale di Costruzioni Storiche e Palazzi Artistici, che abbiano subito lesioni da eventi violenti come terremoti ed altro. Sono previste in futuro applicazioni a nuclei artistici ad elevata sensibilità ambientale, in collaborazione con Telespazio.

Palazzo Rosso di Genova, che insieme a Palazzo Bianco e Palazzo Tursi fa parte del sistema dei Musei di Strada Nuova, con la soluzione Montalbano Technology è il primo museo italiano dotato di un sistema per il monitoraggio del micro clima, un fattore di assoluta rilevanza per la conservazione ottimale dei beni artistici collocati nelle grandi sale. Un primo passo verso un monitoraggio più ampio e completo che potrebbe incidere significativamente anche sul piano del risparmio energetico, un’altra voce importante per la gestione efficiente di edifici spesso di ragguardevoli dimensioni, come sono quelli genovesi e in generale gran parte di quelli italiani.

Le conseguenze di  sensibili variazioni del micro clima sono facilmente avvertibili su tutti i manufatti di origine organica: nel caso dei Musei di Strada Nuova, in particolare sui dipinti su tavola, sugli arredi lignei e sui tessili. Segnatamente, il movimento fuori  controllo del supporto dei dipinti su tavola può determinare la frattura e la caduta della pellicola del dipinto. Altro caso quello degli affreschi, che possono risentire delle variazioni dell’umidità relativa, provocando l’emersione in superficie di notevoli quantità di sali, per effetto dell’osmosi.

Potenzialmente, gran parte dell’immenso patrimonio artistico italiano è a rischio deterioramento. Di qui l’esigenza impellente di attuare soluzioni innovative che consentano monitoraggio rapido ed eventuale intervento conservativo e protettivo.

Il progetto, promosso da Montalbano Technology prevede l’installazione di una serie di sensori wireless per il rilevamento della temperatura e dell’umidità relativa; i sensori  sono posizionati in sale al momento sprovviste di qualsiasi tipo di monitoraggio ambientale, invieranno in tempo reale i dati ad una centrale in grado di attivare automaticamente allarmi via sms e e-mail e di renderli consultabili attraverso la rete Web.

Le applicazioni di Art Keep di Montalbano Technology sono molto ampie e attengono anche altri fattori di criticità, quali, ad esempio, le lesioni del legno, le intrusioni in spazi protetti.

“Saluto con soddisfazione l’accordo su questo progetto tra Amministrazione Comunale e Montalbano Technology S.p.A. – dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Genova, Carla Sibilla – Ogni forma di partenariato e di collaborazione tra istituzioni e soggetti privati rappresenta, in un momento di crisi e di inevitabile contrazione della capacità di spesa, un’azione da perseguire con sempre maggior convinzione. In questo caso c’è un’ulteriore considerazione da fare: la tecnologia applicata ai servizi rappresenta un aiuto imprescindibile per effettuare alcune economie gestionali. Vorrei però evidenziare anche un aspetto non strettamente legato al tema contabile: questa politica di collaborazione consente di attivare forme di coinvolgimento con il territorio che portano di per sé valore aggiunto all’offerta culturale della città. E’ anche questo – conclude l’Assessore – il ruolo di un Ente pubblico come il Comune: allineare e rendere fruttuose tutte le potenzialità che la città è in grado di offrire”.

 “Expo 2015 è alle porte e si attendono oltre 21 Milioni di visitatori, che affolleranno i nostri luoghi d'arte. Dobbiamo proteggere il nostro patrimonio artistico e compiere, con Expo, quel balzo tecnologico che il Paese attende dall'evento. Queste tecnologie vanno nella giusta direzione“, commenta  Beppe Oriana, leader del gruppo Montalbano e delegato di Confindustria Nazionale ad Expo 2015 per i Rapporti con le Imprese ed i Territori.

"La rilevanza del tema - prosegue Oriana - è d'altra parte confermata dall'attenzione che ad esso riserva un azienda come Telespazio, che intende proporre, congiuntamente con Montalbano, una soluzione per il monitoraggio di siti storici di interesse artistico ".

File Allegati: